Archivi tag: farina

Palle di piede

Mi sveglio dalle quindici mani che mi toccano durante la notte e sogno palle di spiedini arrostini che mi imbavagliano i piedi e impediscono loro di urlare intanto la sveglia grida e gracchia come un corvo stupido. Melenso si iscrive a un corso di scrittura e veleggia verso lidi incantati da lucciole a pagamento. Per forza mi siedo ai piedi di un tronco di senzatetto e raschio la mostarda dalle ghiandole salivari di una pantegana zoppa. Grido nel buio di un deserto delle salse tartare e guardo le bolle di pus scoppiare nel silenzio dello spazio di una tempesta solare.
Leggendo l’odissea galleggio nella flottiglia di asparagi che trasmettono alfabeti Morse agli egiziani in guerra con la patatina fritta che li ingloba in un tubo di cemento che misura ventisette once di farina all’uovo. M’infilo quindi in una doccia dissacrante e controllo il capostipite delle lettere dell’alfabeto sotto vuoto spinto. Un Eros saltellante e una Psiche sull’orlo di una crisi di nervi ma saldamente.
E tu amico mio. E tu e noi. E voi che ci guardate giocare con le carte da tressette. Un movimento assurdo ma contento. Che si crogiola di sedicenti avvenimenti che portano a reggersi sulla punta di una sedia. Che un rivolo di cacca scivoli dalle tue labbra mentre porti sulle spalle i peccati del mondo, ma non capisco perché perdonarli, solo perché non sanno quello che fanno all’interno di un codice binario. Solo gli idrovolanti sanno quello che fanno. Allora perdonami sempre.

Strutti e ristrutti in cerca d’autore

Una bomba di cenere mi è cara in questa solitudine color arlecchino. Simpatico Arlecchino, una testa che gira e un bottone premuto sull’ombelico del mondo. Tu credi che avesse sale in zucca? Sì, perché un asfalto ben oliato richiede un condimento sano e nutriente in linea con i rendimenti finanziari. Dice lo sciamano. Saggio quanto il petrolio santo. E il vino. Dillo che anche tu alzi il gomito per sentirti uomo. È per questo che credo che alla fine soccomberai davanti alla spada di una seggiovia ipergarantista.
Mi piego davanti al falco cadente in una valle di lacrime ossigenate. Un velo di strutto migliora il sapore della povertà e il ricco stride davanti alla paura di una rivoluzione rotatoria. Ti mando un abbraccio lettore della malora affinché i tuoi baci possano accarezzare il suono di un bastardo nato nella selva amazzonica. Che dici? Possiamo sturarci il naso nascosti dallo schermo di un computer? O masturbarci in videoconferenza in sessione plenaria del parlamento europeo? Certo perché siamo pompieri della democrazia. Strutti distrutti da illusione, speranza ed evasione accompagnate da farina, festa e frusta.
L’incompetenza della democrazia legittima un’oligarchia di colabrodo missilistico che accantona i polli scatenati di un orrido occhio guercio che ti guarda da una webcam dicendoti che lo fa per prevenire i tuoi infarti. Un malato è una merce che si compra e che si vende diceva Mitterrand senza un minimo di rispetto per la menzogna di Stato e per i suoi milioni di elettori sani. Liberati dalla pastasciutta e passa alla pasta bagnata. Uccidi il padre, il figlio e lo Spirito Santo affinché la pace regni ultraterrena e ultras della curva sud.
Una nuova locanda apre nel Texas della valle del silicone.
Vero, ma falso

Cinquanta sfumature di peli pubici

Una ruota capovolta rinfresca la mia testa rotta e danza correndo nella Terra pruriginosa senza arrotare coltelli per tagliare salami in una schiena nuda e sensuale di donna.
Cinquanta sfumature, non si può più dire, come forza italia. Ci rubano le parole e con esse i concetti. E con essi le emozioni. Ma noi balleremo finché non sarà notte. Finché non sparirà il sole. Aspettami e balleremo insieme finché il mondo non berrà il calice dell’Apocalisse.
Dammi la tua schiena. Dammi la tua bocca. Andremo nel mondo del verme verde e giocheremo a dadi con Dio. Sorrido pensando alla teoria della relatività del cioccolato. Per giustificare la nostalgia dei tori e dei cavolfiori. Ma perché? Le domande sono più belle delle risposte. E il delirio altro non è che una grande domanda che rimbomba in una campana che suona a morto per vivere tutto in questo momento. Perché non può essere altrimenti? Perché corro in un’autostrada di sole bruciante sudando e bevendo rospi e falene con la diarrea.
Vado in bagno a vomitare pezzi di anima e canto un canto celtico per giorni pazzi come un bambino che si chiede come invecchierà quando sarà nonno di bambini come lui. Facce che mi girano intorno e ridono come pazzi che ridono come pazzi. Mi amerai ancora ? onestamente non me ne importa molto. Ma non prendertela in fondo dobbiamo ancora fare l’amore. Dammi la tua bocca per farmi uno spinello di farina di frumento biologico.

Buon Natale ovo sodo

Un Osanna nell’alto dei cieli si sveste davanti al tempio delle vergini vestali e brucia in un fuoco sacro nella volta celeste. In questo santo giorno di Natale si festeggia l’agnello e si mangia il maiale. Davanti a una torta, umani urlanti si satollano lo stomaco di salsedine tipica di chi giudica e scoreggia senza divertimento davanti alla televisione che gli dice di cosa essere felice.
Buon Natale Giuseppina, Buon Natale Giuseppemariocinzia e rosalia e cavoli amari in una festa della povertà che dà gioia e tripudio a pagamento. Buon Natale e sii felice. Buon Natale e goditi farina, festa e frusta in attesa di pagare il tuo tributo a Dio. Buon Natale e auguri di buone feste alla grande commedia dell’arte. Se non paghi non festeggi.
Buon pranzo, buona cena, ingrassa come il maiale. Anche di te faremo un cotechino, ma molto lentamente e ti mangeremo lentamente, assaporandoti. Per noi è Natale tutto l’anno. Festeggia e paga le tue gocce di sangue con le quali faremo viti e bulloni per le nostre auto e mattoni per le nostre case. E soprattutto, grazie.
Osanna ,vestali ,tempio ,Natale ,santo ,torta,divertimento ,televisione ,Buon Natale ,farina,festa e frusta ,Dio,auguri ,maiale,,sangue ,auto ,mattoni