Archivi tag: formiche

Un lapo al giorno toglie il trans di torno

Mi struggo e mi sfuggo in cima a uno struzzo. Il lurido olezzo di una capinera orientale sventola come una bandiera bianca sul pennone maiuscolo e dà il via alla dance.
Maestose come il mastro di chiavi. Neo mi informa che la matrice si sta spezzando le reni e voterà si’ e no al referendum del quale, comunque, non ci ha ancora capito un cazzo, ma voterà pro o contro Renzi per non sbagliare. La democrazia del raggio di luna. Quello che ti becca allo stomaco mentre dormi. Quella povertà sottile mascherata da libertà. Che ti secca la gola anche se non ci pensi.
È un drago d’oro che vola e scatarra. Mi sveglio e sogno la televisione che fa sesso con un paio di stivali d’oro zecchino.
Definiamo la tensione come la qualità delle zie di Donald di uccidere l’uomo seduto e grasso che beve formiche da un bicchiere di birra.
Decidi, o delfino, le sorti di un referendum per i destini della giovine Italia e di un Lapo dal collo di tacchino e della sua omossessualità latente. Povero culo d’america, solo e sempre un poveraccio che guida una Ferrari. Il triste destino di una testa di cazzo. Comunque meglio essere depressi su una ferrari a piangere dietro a una modella che a sbattersi in un ufficio per i prossimi trent’anni, no?
Salgo sul tumulo cuneiforme di un brodo di porcospini e proclamo la dittatura dei depressi d’america ma solo se figli di papà. Cosi’ Trump puo’ tessere le lodi di un cubano morto stecchito e fumarselo al momento opportuno con l’ivanka.
Escoggito ergo summo

Mantide

Vedo una quindicina di molle che fanno l’amore. Tra loro e libri di catene spezzate che viaggiano su jet lag a velocità luce. Prego una zebra a pois di raccontarmi barzellette sporche di sangue e sperma.
Scivoli giù per bande di froci a bocche aperte per ricevere suoni e carezze che non arriveranno mai se non da porci impazziti per la modifica parziale dell’IRPEF sugli immobili sexy.
Erano da innumerevoli Renzi che non si vedeva più un governo così ipnotico e ipnotizzante in una canzone di Spotify che si è incantata su se stessa e non ride più alle battute insipide di Crozza. Mangiami una mano di traverso, fratello, e riempimi la pancia di strutto colorato di rosso. Ti voglio bene. Tu che leggi e ti scaccoli con la mano nei pantaloni grigio verdi. Ti osservo e decido che siamo uguali ma diversi e dobbiamo accettare la diversità anche se siamo diversamente diversi. Capito? Quindi stringiamoci la mano anche se non ce l’hai perché l’hai persa in un sogno mentre si chiudevano gli occhi su un’accetta in movimento. Un telefonino non ti ha salvato la vita, ma nemmeno la mano che oggi può essere usata solo in maniera bionica.
Atolli grigi si sfavillano le pupille mentre si raccontano denti grigi ingialliti dal fumo di una poiana infallibile sui dogmi religiosi.
Un’abside di porcospino mi cinge la testa e io e te potremmo conquistare un mondo di vermi in un formicaio di pareti religiose come mantidi che uccidono chi le ha partorite tra formiche battenti bandiera pirata e coleotteri con la minigonna e il preservativo infilato dentro le ali. Per favore distruggimi le sinapsi con droghe al sapore di water affinché la morte smetta di scorrere nelle mie vene e mi spieghi la differenza con la vita di un sugo di pomodoro. Detto questo, ti auguro una buona Pasqua e sai che non sono sincero. Ma si dice per dire.
Un abbraccio.
Tuo fratello.

Prego accomodatevi

Una paprika avanza della leggerezza di un treno a vapore che vola in un paradiso di spazzatura del porto. Tra Basilea e Genova c’è una pozzanghera melmosa che separa i flutti dall’immensità di un rutto di un passero che fa l’amore con la cugina del fruttivendolo. Era una pianta di fragole, una volta ma a forza di essere baciata dal sole si è trasformata in una cavalla selvaggia che distribuisce buoni sconto a gazzelle e caprioli per una notte d’amore tra cene sontuose e banchetti luculliani nell’ashram del proprietario dello zoo.
Preghiamo gente per un governo di buoi che viva della rendita del sangue delle nostre schiene piegate dall’arrosto centrale di ricchi che pagano poveri per uccidere gli altri poveri. Votiamo contenti l’ibrido volteggiare di una cicogna che respira l’aria di un sistema feudale in cui gli elefanti sputano sulle formiche finché le formiche nel loro piccolo s’incazzano a vicenda.
Il cuore fa male. Sputa ed erutta cuori di prostitute allineate in fila di un esercito di chewingum da masticare a turno tra una ridarella e l’altra. Mi rifaccio il busto da Michelangelo

Diversamente sexy

Una troika di salami al formaggio s’imbizzarrisce al richiamo di una sottana sfuggente. Un microscopico anello latente s’intrufola nell’orifizio sacro e masturba un ganglio intestinale. Mario s’incendia in un atto di sodomia fecale seduto sul gabinetto del suo monolocale decadente in cui la toilette si trova tra il forno e il frigorifero. Deve girare un film come attore principale. Quando si presenta sul set è eccitatissimo e non vede l’ora di girare la scena di sesso omosessuale. Chiede al regista il massimo del realismo. E ottiene soddisfazione. Solo che l’altro attore non è gay. Mario esce ancora più eccitato e va in bagno e si fa la scopa.

Anais gira in mutande e senza reggiseno per casa. Da una stanza all’altra e semina feromoni tra le formiche che cominciano a girare vorticosamente tra le crepe dei muri di un appartamento bohèmien che dà sul parvis de St Gilles dove circolano struzzi mutanti che fumano sigari elettronici marcati Coca Cola. Un siero di latte viene spruzzato mentre fa l’amore con una coppia di coniugi che cercano giovani studentesse a pagamento per colmare il vuoto matrimoniale.

Un giro dell’oca si appropria delle mie emozioni che girano a velocità stroboscopica lasciando che un maiale su due zampe paghi il conto del ristorante lasciando una mancia miliardaria. Chiamo il racconto della spirale del minotauro ma nessuno risponde e vaneggio per la strada deserta alla ricerca del sacro Graal. Metto il piede nell’unico tombino senza coperchio e scendo nelle immensità degli inferi inseguito da una barzelletta su S. Pietro. Il cavallo non ci sta Flamenco. Il cavallo è sparito Flamenco caro. Il cavallo è morto nell’ombra di un ulivo senza lasciare tracce di sperma ma ha pisciato sulla Croce e ora vuole governare il mondo dall’alto di una cruna dell’ago diversamente abile.

 

 

Abbaio nello spazio liquido

Abbaio nello spazio liquido
Svetto in una città di luce atrofizzata in mezzo a mummie di seni e guglie ripiene di miseria e di materia duttile come plastica al fuoco di dio. Un vascello spaziale mi porta dritto nella mente degli uomini e personaggi dotati di libero arbitrio dischiudono ricordi programmati da un ingegnere della quinta dimensione. Uova giocano a pallacanestro con bambini che suonano il violino sturandosi le orecchie.
Timpani esplodono tra neuroni fotovoltaici e la luce solare trapassa il mio cervello stanco di pensieri di sangue e cioccolato.
Spazio 1999. Capitano Dirk. Spock.
Pile di neutroni nudi vomitano stelle tra anatroccoli in divisa e si lobotomizzano a vicenda per poter ridere nella pazzia di Abramo l’ebraico.
La Terra Promessa si decompone all’orizzonte desertico e i cammelli pisciano tra le dune che diventano rosse per la vergogna. Alleluia. E avanti così.
Atterraggio tra gli umani. Formiche rosse dipinte sulla Patagonia.
Furetto feroce che abbai alla luna.
Mano sinistra che masturbi una vagina impotente. Con un tubo di metallo inox, e aspiri orgasmi con la bocca di una sfinge. Decomponi il liquido cristallino in alghe rosse e corpi celtici. Per ricreare radici di corpi millenari.

Brucano le orchidee nel prato del re

Un rumore di rockoccodrillo tambura i miei timpani di un suono gravitazionale che aumenta di volta in volta gli elettroni in maniera ascendente fino a toccare punte che gridano con voce stridente.
Una zuppa annacquata imperversa nel mio palato. Mille odori scherzano tra loro. E una montagna di panna cotta ride a crepapelle. Afferro una castagna e la passo sinuosamente sulle labbra molli che sanguinano. Sangue di pesce spada. Un sale nero che sa di cacao.
Esplode.
Il pazzo ride.
E semina olio di fegato di sé.
Un rumore di Ferrari semina funghi sul giardino di Carotenuto che si sollazza il sesso nell’attesa di essere colpito da un sasso che sta cadendo dal tetto. Non muore, ma si diverte. “Non capita tutti i giorni” dice. E dopo andrà in manicomio.
Rullano i tamburi, strepita lo streptococco. Invita tutti i bacilli a una festa di casa di Attilio Mengara che si sta devitalizzando un dente molare. “Da lì al cervello” annuncia agli amici “il passo è breve”.
Sentieri di montagna crescono. Fatiscenti mucche bruccano l’erba profumata di gelsomino. E cadono le formiche come onde portate dal vento. Dolci come polvere bianca di cocaina. Si distendono felicemente e condiscono un tiramisù di patate lesse.