Archivi tag: mandragola

Tacco a spillo

Sono figlio di una mandragola infausta che è piombata su centinaia di teste appese per le palle dai miliziani jihadisti sunniti ayatollah islamisti, insomma cabarettisti che non avevano pagato le royalties per i copyright che avevano scaricato in streaming durante il ramadan bam bam lexapro 10 mg.
Orde di lanzichenecchi incappucciati bruciano croci per strade liquide di sangue e pustole di pesti di puzzole uncinate da clave non più appese in mezzo alle spazzole delle donne che fanno harakiri in un mondo color del buio. Mi perdo nelle curve sensuali dello spazio tempo che ha tette tipo Angelina Jolie.
Dai suoi antri bollenti escono gocce di sangue che si perdono in laghi artificiali di reggiseni truccati e tacco dodici. Ponti a forma di passerelle dorate squarciano orizzonti di poesie estreme che insudiciano di merda secca occhi in lacrime di guerre sanguinolente.

Una lacrima sul viso

Mi piego e amo accarezzare la pelle di un organo sensibile. Che mi parla di piacere. Che mi parla di salsa piccante in salsa di tonno maturo, ma non troppo. Adoro civettare con pesci palla e lasciare che mi massaggino le labbra di un rosso vivo. Un rosso che diventa fuoco di paglia. Un’adolescente che stira le camicie. Una puzza che viene dal suolo. Un pozzo di petrolio che rigetta fiotti di camicie nere in mezzo ad una gola che ingoia e digerisce. Tu mi ami e io ti odio. Questo dice la bibbia e il nostro Dio, ma in fondo anche lui è una mandragola in calore che non sa dove trovare pace se non nella preghiera di un dio più grande di lui.
Mi butto in una costa concordia che affondando guarda il suo schettino e lo appende all’attacca panni per usarlo come bersaglio delle freccette del luna park. Un dinosauro evirato che mi saluta paracadutandosi è simpatico come una patatina col ketchup ma sinceramente meno appetitoso. Di conseguenza mi chiedo perché non votiamo per una politica del marchese del grillo? Se si tratta di uno scherzo abbracciamoci in una carnevalata da sandwich goliardico che salta da un trampolino all’altro in modo da avere un orgasmo acrobatico. Sogno mari melensi in salsa di triglia mentre lacrime sgorgano dai miei piedi per aver combattuto la guerra della passione cosmica senza aggettivi fritti.
Detto tra noi sono stanco. Di una vita e di una morte che ammorbano un’esistenza piena di carote lesse e patate in calore che non chiedono che di accoppiarsi e ancora e per sempre. E fili elettrici salterebbero agli occhi per mostrarci lacrime di dolore e risate di compassione. Tra violini tristi e forchette di musica colossale mi chiedo perché una sensazione di gotta al pavimento non arrotoli un piatto di spaghetti attorno al collo di un impiccato per aver rubato sei cervi nel giardino del re.

Tutto in vacca

Un paio di tuguri infinitesimali brindano davanti al cespuglio degli errori. Sprizzano coppe di champagne di liquidi odorosi e hanno paura della manna infernale. Il brivido dell’incognito s’impadronisce degli astanti che ansimano dai torrioni in pietra mentre la battaglia infuria. Il capodivento s’impolvera di stelle natalizie e il conto alla rovescia comincerà tra poco. Sarà Natale, un altro mondo, un altro incubo incombe su di noi affinché il pil aumenti e le vene si esauriscano del sangue del popolo bue che impegna l’oro d’Italia.

Il mio cuore ruzzola nel fango di una pallottola puntata allo specchio del rinascimento lento. Il grosso dell’esercito si è perso in un bicchier d’acqua multiforme senza batter ciglio ed è annegato silenziosamente suonando il silenzio. Mandragola si sfrega le dita in calore e sviene tra le braccia di una serpe maculata e ridente. Arthur si mangia un vaso di fiori senza godere di una giornata all’aperto sul suo terrazzo dal sedicesimo piano di un attico romano. In realtà è una collina di periferia. I piani sono quelli dei rifiuti formatisi nel corso dei decenni in una discarica abusiva. È quello che pensano tutti su facebook è questo basta a trasformarlo in realtà.

Il mio cuore piange

Il sesso ride

Nell’iride una lacrima non osa uscire. La notte scende urlando le sue ragioni. E mi pento di esser vissuto in un mondo. La pazza ha ragione e urla a modo suo strappandosi i vestiti. Piango per una vita sprecata a morire ogni giorno mentre fuori splende la luce di un dio che non ti vede nemmeno nell’urna. Spengo una candela alla mia luna storta e accetto i doni dell’universo in una sala adiacente alla fortuna di un discendente degli dei. Una pazzia d’amore frusta le mie vene e il mio cuore dalla nascita al motore. Un tamburo batte nel mio torace e fulmina l’amore in una tazza da thé (o come diavolo si scrive).

Un fisico bestiale

Mille pezzi di orsacchiotto si spellano vivi e l’amore di un sangue piove per ter. a. Lacrime d’addio nel decennale della liberazione dal male. La mandragola riempie l’aria di un vuoto pneumatico e la sabbia raffredda la terra venefica. Gas liquefatti si librano nell’aria e violano la verginità di una lucente pizzaiola al formaggio. Mozzarelle cadono come neve e nutrono battaglie di vermi voraci che divorano tutto quello che annusano. Lola, nuda, annaspa nel fango concupiscente e cerca con la mano una ciotola di formaggio incandescente per vivere un altro po’. Lola, calda,  sorride mentre un bufalo la guarda voglioso. Il mostro si avvicina. E studia la faccenda che si annuncia logisticamente complicata.

Mandragola impertinente

Un gatto nelle nevi. Una bacheca di computer. Una ragazza illuminata dal sole. Un paralitico in un bagno di cipolle. Un granchio intento a cucinare la pasta. Grosse vedute d’insieme. Satellitare. Cipollare. A mano a mano il delirio sale e aceto. Una campana di vetro dondola il suo canto perpetio. Spaccatimpani. Preghiera nell’assoluto al ritmo del vento. Una sintesi proposta dalla iettatura ad inchiostro simpatico. Amici vicini e lontani, vedenti e non vedenti, psicomotori e psicosomatici vi prego e vi amo e vi affido il messaggio di un branco d’insetti grigi, rossi e neri. Il velluto di color petrolio si scioglie durante la visita dal medico in una cena colorata di Parmiggiano rosso. Il color del Volga si estende fascinoso e affascinante sulla mia pelle scivolosa che sa di carne piccante alla maionese. E si rende maestoso alla gente della tribù per ricevere onori e sapori di ferro sbattuto. Tatabum pam pom.