Archivi tag: peperoncino

Perché?

In un anfratto di una crepa del cuore si insidia una palla di piede che richiede la folla del silenzio sedersi intorno a una palla che non ride ma piange lacrime amare di peperoncino senza staccare la penna dal culo di una balena rotante. Mazinga spara laser e Gonzilla si siede in bagno per ascoltare musica reggae. Vado in bagno per pregare una Madonna latente tra tarzan e cita che suona il bongo politicamente corretto. Scivolo in un borgo medievale tra vermi e allodole di stagno piombato in cui cuori blu si dividono il territorio di un rinoceronte cornuto e contento trasalito di sorpresa alla vista della sua femmina che si fa un prete.
Peccatore che preghi e sterzi la tua vita una volta per tutte remi in una barca che saetta sul sangue di un diavolo di Malebolge.
Saettiamo in una orda di amore nero tra poeti dell’anima e cipolle al ragù che mescola il nero capello di una saliva incontinente e fasulla, mentre i peti fanno bene al Grande Spirito di sangue con aids che non si salva nemmeno da una bomba israeliana politicamente scorretta. È così che i palestinesi si rasano la mattina, con la firma di Zorro.
Veterana si masturba davanti allo specchio per vedere il colore blu dei suoi umori, da quando le hanno diagnosticato sangue alieno e non aristocratico si trova maledettamente eccitante come un pugno in un occhio da cui scende liquido nero. Viene durante un allenamento di cardiopump e la palestra si riempie di sangue mestruale, sempre blu oceano che scende oleosamente per le scale e corrode i piedi delle persone e risale vistosamente per le pellicole di coleotteri fino al pelo delle orecchie. Veterana muore dissanguata, ma dà vita a un esercito di zombie caldi caldi pronti per essere mangiati.
Prego colui che prega di pregare per le loro anime morte e risorte e ascese e poi ridiscese per poi risalire eccetera amen.

Verde peperoncino

Una melassa viscida scende lungo il mio corpo che assomiglia a una pantegana vestita a sera. Lucida. Con occhi ammalianti. E rossetto che sa di cipolla. E peperoncino. Per una lingua saporito e piccante. Una manciata di pesce mi pulisce le orecchie e vola nel fango del deserto fatto di semolino semovente.

Un colpo di tosse di Odino provoca una manciata di gocce di riso negli occhi dei beduini coltivati in serra.
Ciliegie si smoccolano il naso otturato da nocciole fiorite con semi di mais. Il culatello è sempre un alimento che ti ama dal profondo del cubo.

Non alimentiamo lo sforzo di sedersi e farci una ciulatina al latte d’asina. Giovanni si beve un limoncello al chinotto sul suo albero sopraelevato adiacente alla casa colonica di una base lunare.
Manlio osserva lo spettacolo e piange. La sorpresa di essere rimasto incinto è più forte di lui, ma il suo istinto materno gli impone di tenere il bambino nonostante le pressioni dei genitori.

Quanto a lei non lo deve neanche sapere. È un affare che non la riguarda. Per il resto ci penserà. Ora vuole godersi una maternità spensierata insieme al suo cane Guso, nella sua baracca alla periferia della metropoli.

Dagoberto

Dagoberto si scinde in due lenti a contatto e mima una partita di calcio contro l’Anderlecht in gonnella. No grazie non voglio fiori solo sogni e bestemmie.
Caro vu cumpra invecchiato in spiaggia sotto l’egida di una vagina di luna. Sorridi zingara e maledici coloro che pungono le zanzare come te e le dissanguano.
Bevi, piccolo Dagoberto, un sorso di oceano e spingi una carrozzella di fianco a tua moglie tatuata e più alta di te di almeno venticinque centimetri. Hai l’aria divertita, sorridi e spingi, una carrozzella con un bambino mongoliforme che spicca il volo attaccato a una mongolfiera. Al suo posto scende un nastro rosa da cui nasce un albero di rose e polvere da sparo.
Perché, zia, è arrivato il treno e ha portato via tutta la magia di una carrozza con i cavalli rossi?
Gira, zingara, e raccogli l’argento sporco di una massa povera in bicicletta che sa di pesce fresco, che ha l’alito fresco.
Dagoberto è fresco di doccia e profuma di peperoncino caliente. Si specchia e trova brufoli alla spina in litri di passeggini ricchi di orsacchiotti di primavera. E si domanda l’importanza di essere padrone del proprio tempo. “Se sei padrone del tuo tempo – annota sul suo diario nero – sei padrone del tuo mondo”
E per rispondere a tutte le domande, si fuma uno spinello alla frutta secca. Mentre fuori dalla sua casa un elefante cammina bevendosi una granita alla menta e una bambina comincia a diventare sexy durante un film di spaghetti western.

Oro Pando

Onda lunga in salsa liquida m’interessa la voce della nonna Panda. Nonna Panda soleva flirtare col Carroccio e preparare salse al peperone tamburellando con il fior di cotenna. Condiva sole, luna e stelle condite in salsa di pomodoro. Per portarle in riva a un monte e sedurle con un sitar indiano.
Una voce liquida tramonta sulla Senna e Parigi si sveglia per rifornire la notte di Eros e Marte. E per riformare il sistema sanitario. Rialzandosi con fatica la statua di Arianna si accoppia con Apollo in una discoteca nel quinto arrondissement parigino, là dove una ex maitresse ha aperto le porte alla grancassa della banda di paese per fumare marijuana dalla vagina di un serpente. E suona la marsigliese. Suona e accoppia gli stendardi in moribondi infernali che succhiano la vita da pinoli al peperoncino. E restano aggrappati a divani a molle arrugginite da urine acide ed escrementi rinsecchiti che il Gange benedice. E benedice anche la mia assicurazione sulla vita. Con un sitar indiano. E la musica folleggia nella nuit parisienne, tra trans che abbaiano per la strada e scimmie aureoleggianti che scoreggiano allegria sotto forma di elicotteri ad idrogeno liquido.
Mi dico che posso volare. E la festa di paese si riempie di pane transgenico proveniente dalla Cina, preghiamo quindi per la nostra baguette quotidiana sotto forma di fallo emergente.
Mi mangio un ossimoro di bue e mi unisco alla festa chiassosa, mentre Internet spara bit all’impazzata in cervelli di cuoio tappezzato di blu.
Una colica dormiente si corica su divani brillanti e puliti e schiaccia un pisolino per recuperare le energie per la prossima festa.
Bonne nuit Michelle, ma belle.

Il kharma della pantegana di bronzo

Un ufo robot d’acciao prende una cartolina e la scrive a una pinta di birra che soffia vorace una pantegana sifilitica. E gratta la pancia a un orso di coca cola che perde la voce tra rantolii di sangue alla menta piperita. Avendo mangiato peperoncino a colazione emette polvere da sparo a forma di yeti.
Peli di donna mostruosa intersecano la violenza di un palloncino colorato di rosso cocomero nel cielo azzurro che romba i pistoni di un ginocchio artritico.
Masturba il cetriolo di metallo spugnoso i vermi giganti in un lago di cori gregoriani tra centurioni di sperma che affluisce a gocce nella cascata del mago Merlino. Rigurgiti di dinosauro si spargono in mezzo a laghi di sangue di placenta e il grande ballo delle capinere dirige il valzer delle candele tra ioni di sodio e cloruro di patata fritta e soffritto di godimento lento.
La santa messa di un anatroccolo a forma di sformato decodifica il linguaggio dell’eremita in cima alla torta di zucca vuota e mi ricordo del Messia che mi diceva che in vita non aveva mai visto una tetta al vento. E gli dispiaceva. Povero Cristo. Faceva pene.