Archivi tag: riso

Composti e decomposti

Scendi via pazzia che riempi le scale della mia intelligenza di calci e pugni di stelle e fuochi d’artificio. Mentre impazzire è un piacere che ti permette di vedere tutta la tua vita passata come una bugia a cielo aperto, le porte del nulla si aprono per la gioia dell’inferno e dei dannati alla divina eiaculazione. Una stampa surrealista mi permette di comunicare col mondo dal mezzo di un chicco di riso, mentre i semi di zucca mi stanno a guardare e a svolgere la loro funzione lassativa.

Una puntata di beautiful non serve a sconfiggere il sonno di madre natura. Forse per quello non ne ho mai vista una. I nostri politici non decadono mai, si decompongono. La storia della luna è scritta su un chicco di grano. Concetta si toglie le mutande di seta e scopre un corpo che non conosceva, si osserva come per la prima volta e capisce di essere un uomo.

 

La lirica di un midollo osseo

Una zona di incesto fangosa si allarga a macchia di sperma incontinente. Libellula osserva disincantata il cielo che si trasforma in pterodattilo e gioca con una bambola di carta gonfiabile. Le nuvole si accorciano e s’inseguono.

Libellula si mangia la bambola e si gonfia come un pallone. Finché non scoppia di febbre giallo ocra. E l’acido di stomaco rimonta alla radice del pene. Un uomo che guarda col binocolo la scena prega la croce per la salvezza della chiesa e la venuta rapida (eiaculazione precoce) di Dio.

Prima che l’incontinenza riempia fiumi e laghi di riso al pollo cinese. La dimensione unificante agglomera la spiaggia di Cristo che pesca le anime sul fiume della morte aspettando di veder passare il cadavere di Satana, ma finora non è ancora passato niente. A parte un gruppo di libellule in cerca della porta della quinta dimensione. Ho detto la verità vostro onore e non posso spiegarla ad altro dio al di sopra di me. Richiedete un saldo per la gonna del vostro paese per aspirare la luce delle vostre saponette. Tutta la verità, solo la verità, sempre la verità, nient’altro. Lo giuro. Sui miei figli. E nipoti. Sono innocente.

Una rocca a strapiombo si erge sulla libellula per pitturare un quadro astratto che rappresenta il rombo di un motore a reazione nucleare. Polifemo getta qualche sasso giù per la strada ma gli è scesa la cataratta e deve soffiarsi il naso. Anche lui soffre di sinusite.