Archivi tag: trichechi

Tra gli anelli di una figa acida

Una galassia di trichechi rompe l’onda di una prostituta mestruata. In un girotondo al mandolino secco mi masturbo la gonna svolazzata in un tubo in miniatura mentre il nord Italia è flagellato dalla tarantella. Giro attorno al gatto che miagola in casa mia ma non riesco a tagliargli i baffi e un cordone suona la campana a morto per i topi del vicino mentre un effluvio al cioccolato mi ricorda che la vita finirà presto ma una morte finirà tardi.
Un fiume bussa sempre due volte prima di esondare, ma prima non straripava semplicemente? Comunque una musica gipsy si scalda lentamente per parlare di maionese e mi attizza le braci nella mente per un fuoco ripido e una discesa tra le cascate di merda io esco e matto tra questioni di pipistrelli che succhiano sperma dal collo di vespe che sanno di miele caldo e moscano nel brodo di lucciole per fare sesso a pagamento.
Batto e ribatto tra scorregge di spazzatura e gas di scarico per farmi ascoltare in un muro di silenzio: facebook. Ridiamo tra rivoli di merovingi e scorie radioattive per auscultare un Tribunale di meningiti acute in principio di peritonite. Che Dio ti salvi, ma ti si perda in una giornata di sole tra Tritone e Saturno, dove le stelle diventano stalle e la pelle eiacula schizzi di latte acido che compone la materia oscura finché dio non dirà di nuovo “luce”.

Il calice stronzo della buonanotte

Buonanotte fiorellino. Che il siluro della felicità possa contare le sue baracche anche questa notte di stelle e di peli di culo. Noi viaggiamo nei quadri siderali e mungiamo mucche di pastafrolla per mangiarcele in una toilette di varichina. Se poi ci viene la diarrea, allora, esageriamo e diciamo “pronto soccorso” e lo diciamo spingendo una porta spezzata dalle lacrime di gioia per un intestino latrante.
Cani azzannano le purghe staliniane in campi di lotta libera neuronale dove pazzi gridavano al cielo aperto in buchi neri di odio e lurida morte incestuosa. Matti in camice rosa si trascinavano in pantofole sul pantano siberiano e perdendo per strada pezzi di dita congelate senza accorgersene. E si sturavano il naso, mentre bombe nucleari si stringevano la mano in summit californiani tra tavole da surf e cocktail da spiaggia. A quel tempo io mi chiudevo nelle maglie storte dei leoni delle palafitte e pensavo che una spiaggia di cemento bianco non può essere fatta di altro che di latte di capra.
Fu lì che volarono frasi pesanti tra trichechi che giocano a scacchi con la morte. Pirati della luna che sporcano fanti di picche e assi di stronzi dalle rosse labbra turgide per una penetrazione soffice e letale. Venditori di cuscini. Nient’altro. Con violini che ballano una danza sorniona in una Grecia antica tra filosofi froci e discepoli cornuti che si lavano le labbra in succhi d’uva del Salento. Scoppio. E vado a fanculo.