Archivi tag: vita

La mela della vita e della morte

Una mela rivolta al passato corre su una pedana elettronica senza vedere che davanti a se sta per investire un cieco marcio. A occhi chiusi avanza nell’asfalto immenso e ride per una battuta di una rana sorella che spiegava il sogno di una pantegana in calore . Guarda in alto, le urla lei e un camion della spazzatura lanciato a tutta velocità si schianta contro il braccio bionico di un uomo col bastone che attraversa la strada e non si fa neanche un graffio. E dice Signore perdonali perché non sanno guidare. E si masturba con una mano sulla croce e l’altra per fare pipì.
Un giro di vite si scioglie nel soffritto per portare l’infinito in una tazza di tè arabeggiante che gira una danza di proci e corteggia un soffitto di suore che si spogliano in maniera verginale nell’attesa di un dio che le incarni del corpo e sangue di cristo, ma non con uno spirito. Nel frattempo le dita toccano vagine verginali e secernono liquidi oleosi che formano parte dell’acqua santa e del vin santo.
Mi diverto a mangiare tarallucci e olio d’oliva che corre e vola in una tempesta ormonale di dodici metri cubi di aria compressa e spremute di cuori di ketchup.
Mi seppellisco sotto un cipresso affinché possa piangere la storia di un subacqueo che non sapeva leggere ma sapeva fare l’amore con le suore.

Carrube

Rane si scindono ai cancelli di burro al cioccolato. Un esercito di liberazione della scocca anti acida piange lacrime di sperma laterale. Inventandosi bocche da sfamare le rane rivendicano il loro diritto all’omosessualità.
Ed è così che le pulci dell’universo si chiedono il senso della loro esistenza mentre vanno al cinema con la fidanzata. Il corno di babele s’inalbera vistosamente e perde i capelli che diventano girini rosa pallido.
L’umanità scorreggia e l’universo è attonito. Mi accorgo delle palle di pelle di un asino ebreo circonciso che legge la torah con interesse e gli chiedo “Ma l’inflato non ti solfeggia lo scroto?”
“Aiutati che il ciel t’aiuta” mi fa e mi rivolgo quindi al sole per illuminarmi d’immenso e ispirare i radi peli di Flash Gordon che decanta la Divina Commedia davanti al Monte dei Pascoli amari, mentre un serpente scivola dietro alla suora in preghiera. E la stupra senza che se ne accorga. Salvo un po’ di spavento quando vede uscire un boa dalla vagina. Pregando dio che la cosa si ripeta più spesso dato che sono state notti felici.
Non ti dimenticherò, spugna della mia vita. Voglio riempirti con la mia anima. E con i miei occhi.
Amore delle mie spire passami la birra che devo bere rane e sperma di una vulva concreta. Passa il tamburo nelle mie vene e annuncia l’annunciazione che annuncia il rinascimento della specie delle morene nere. Occhi neri e sorriso da cane randagio in cerca di sesso.
E una cagna in calore in cerca di un cane da mangiare. E di uno scroto da aspirare.
Cala il sipario di una commedia infernale che erode godendo il santuario delle nozze gay.
Faccio la comunione da una suora lesbica.

Attimi persi

Mettere un piede in fallo non vuol dire sempre sbagliare, così Irina pensò mentre schiacciava il pene del marito con la punta del piede. E l’erezione mica diminuiva, anzi. Gli passò il piede tra i testicoli accarezzandoli e schiacciandoli leggermente. Lì sì che poteva fargli male. Lì sì che poteva vendicarsi, ma quello era amore, non odio. Era potere, non solo amore. Era tutta una vita in un solo gesto. Tanto odio accumulato e tanto amore stuzzicato. Mentre lo baciava in bocca e sentiva la sua lingua ruvida come il tronco di un albero sentiva che doveva fidarsi ancora una volta, doveva darsi e ricevere e riceverlo, un uomo, quell’uomo, il suo uomo.
Dopo dieci anni di matrimonio erano ancora lì, a cercarsi senza trovarsi in un’esplorazione di attimo in attimo. Attimi persi nel conoscere troppo bene, o troppo male, il corpo dell’altro.
Mentre la baciava ed era invasa da un odore d’aghi di pino, insieme al caffé nero che lui beveva a litri, lei sentiva che era come se ancora non sapesse come e dove toccarla. Soprattutto come. E quando. E in fondo non avesse la voglia di ricominciare a cercarla per conoscere la nuova Irina, non quella di dieci anni fa.
Anche, ora, mentre la stava colpendo da dentro dolcemente, troppo lentamente. Imbecille, hai paura di rompermi? Ma non glielo diceva, da dieci anni non glielo diceva. Perché in fondo lei aveva paura di rompersi e allora preferiva, (oppure no?) quella fiammella che le invadeva dolcemente lo stomaco e il ventre, piuttosto che una vampata incontrollabile che poteva lasciarla in lacrime e con il corpo che sussultava per ore come un epilettico.
E allora, sì, ti amo, zucchero caro, accarezzami, sì, baciami lì, dietro l’orecchio, come fai sempre, quando stai per venire e mordimi il collo, così, senza troppi complimenti, più forte magari, e come te lo spiego che anche stavolta sto fingendo, ma che mi piace anche così, con te. Come te lo spiego che voglio che tra noi sia tutto vero, ma che ho una paura fottuta che lo sia, come te?
E allora vieni, caro, vieni così, convinto di avermi posseduta. Ma domani, no, domani dobbiamo parlare, un giorno ne parleremo e capiremo come siamo finiti così lontani. Eravamo così vicini, prima, o pensavamo di esserlo. E gli orgasmi, sì, quelli mi portavano lontano, tra le stelle che mi sembrava che ci osservassero. Ora baciami e addormentati su di me e io mi adagerò dentro il tuo cuore.

Il sessuale abbraccio delle parole

conforto parole

Una stringa di caratteri si avvolge al mio corpo e ne cerca i meandri più genitali. Mente sapendo di mentire e sussurra all’orecchio quello che voglio sentire. Maestra della strada e cibo di un fantasma che si materializza in mezzo a neuroni cerebrali finché morte non ci separi.
Una mente che serpeggia sinuosa intorno all’albero della vita tra i pilastri di Salomone che ascende al cielo in mezzo a strade tortuose di tartarughe lente e sagge.
Dio mente perché solo così può farti arrivare alla verità. Disse luce e luce fu. In principio fu la parola. L’abbraccio mistico di un delirio onnipotente. Un pazzo bambino che giocava con una penna a sfera. Un orgasmo liquido che ha creato il vino e lo spirito. Un abbraccio rettilineo che ci guida verso una luce orgasmica. Una luce che gioca con Dio riformulandolo geneticamente.
E io scrivo una marea di cazzate. Ma divine. No?

La nuvola

Delirando si pescano pezzi di assurdi romboidali senza fondi di caffé.

Normalmente sbattiamo contro muri di pesce che peschiamo senza farci pescare.

Inga sta passando quella linea che va dal non aver avuto uomini al pensionamento.

La pelle stava lasciandosi cadere in un vuoto pneumatico. L’occhio rotondo di un azzurro sbiadito era mal sostenuto da occhiaie di lacrime antiche. I capelli biondi e tedeschi sembravano le pagliette con le quali si tira a sorte per la più corta.

Il quadro invernale era completato dagli angoli della bocca che is lasciavano cadere verso il basso. Anche il trucco era sbiadito. Mentre la vedevo di profilo davanti a me e dopo di lei le grandi vetrate del quindicesimo piano della sala riunioni. Mentre nuvole temporalesche sfilavano come a una parata militare, espressioni della nera potenza della natura io potevo immaginarmi il peso di un inutile seno che era completamente adagiato su un reggiseno asettico, con pochi fronzoli, messo li’ senza nemmeno più l’intenzione di far vedere un seno più grosso.

Inga era un fantasma fatto persona, diafano, contro cui le nuvole si mischiavano senza percepire che la materia era più densa. Perché in fondo era già una di loro. Una nuvola in riunione. Un’effeminato fantasma senza sesso, se mai lo ha avuto o usato. M’immaginavo una vergine appassita che da giovane doveva essere stata pure carina, ma uno di quei carini senza vita. Quella morte che già adesso si porta intorno come un’aureola sbiadita.

Forse la cosa più facile è quella d’immaginarla nella sua posizione naturale nella bara. Là dove non deve più confrontarsi con la densità della vita

Dammi cinque!

Ok amico oggi non scherziamo, non parliamo di dio, di amore o di porno, non parliamo di morte e di vita, sole e luna, stelle e puttanate varie. Neanche di un orgasmino. No, niente. Oggi mi sento un po’ zingaro. Mi sento folle e mi abbandono, mea culpa. Mi sento di volare e pisciare, mi sento un po’ lascivo. Non dormo bene la notte perché ti desidero e il mio corpo ha singulti sincopati, in controtempo, e urla di piacere e dolore perché vorrebbe scoparti. Il mio corpo si stacca dalla pelle e si lacera sul pavimento contorcendosi come una piovra. Oggi il mio corpo va per conto suo e ti voglio far sentire come pulsano le sue vene. Perché pulsano. Dove e quando. Pulsano che sembra che scoppino, e ogni tanto, in effetti, un po’ di sangue ci scappa, ma non è grave. L’importante è che tu lo guardi e godi nell’assaporare il tuo potere, perché tu sei Dio e lui è tuo schiavo. Puoi fargli quello che vuoi. Puoi odiarlo e baciarlo o bruciarlo lentamente con olio bollente e aglio e assaporarlo goccia a goccia mentre pizzica la tua trachea col sapore salato di una lacrima. Puoi tagliarlo per vedere come sono fatte le fibre delle sue carni e puoi penetrarlo per abbandonarti al tuo potere. E puoi passare con lui notti insonni finché morte non vi separi, a scambiarvi la pelle e il cuore, la saliva e i posti all’inferno. Canterete il silenzio, ad alta voce finché il coro delle anime perdute si commuoverà di un pianto senza lacrime e così maledetto.

Piangi, lotta e stira

In un canto consapevole

Di un airone senz’ali

Un biscotto farcito

Di niente

Al sapore di ricotta al mirtillo

Nell’antro d’un Dio.

Una pietra galattica si spreme di invidia e beve la limonata acida della verità. Mi chiedo se capirà il profondo senso dello scherzo, in effetti è l’unica cosa che dà senso a quella condanna a morte che è la vita. Insieme all’illusione, s’intende. Cammino lento e piango per assaporare almeno un’emozione vera, e penso che forse dovrei farla finita. C’è un ponte qui vicino, usato spesso per buttarsi giù. Mi sa che prima o poi…

Mentro cammino nello spazio, mi fermo a guardare una boutique di umori in vendita, quello che costa meno è la “totale assenza di emozioni”,  la “gioia di vivere” invece ha talmente tanti zeri da diventare antipatica, poi c’è la “gioia di morire” nella quale ci sono nove zeri in più, chissà perché, magari perché quando uno è vecchio deve decidere un po’ come buttare i soldi risparmiati in una vita. Mi stupisce il “senso dell’ironia” che è scontato del 50%, già, in fondo, a che serve? Decido di entrare e chiedo alla commessa se posso provarne qualcuno. Lei mi guarda dall’alto al basso e, tirando gli angoli della bocca verso le orecchie, mi fa “Tanto non se ne può permettere neanche mezzo” “No e nemmeno lei” poi le faccio “Ma ce l’avete ‘il senso della vita’?” “No, non è un umore” “Ma si starebbe meglio, no?” mi degna di uno sguardo che potresti dare a un barbone che t’invita a cena.

Me ne vado e ritorno tra i miei sogni assaporando il piacere gratuito dell’illusione mentre mi strofino il naso con l’unguento di “violenza sanguinaria” che ho grattato alla commessa stronza mentre era china sullo smartphone per far la finta di non cagarmi.

Dieci giorni dopo.

Non mi sono mai divertito tanto nella mia vita. Ho fatto tutto l’immaginabile e l’inimmaginabile e lo rifarei ancora e ancora e ancora. Un’ebbrezza più alcolica del suicidio.

La prima vittima fu la commessa a cui ho incendiato il negozio, con lei dentro ovviamente. Poi ho scoperto che era l’unico negozio del genere in tutto l’universo e che ero l’unico ad avere ancora un po’ di prodotto che ho messo all’asta e sono diventato ricco. Così mi sono potuto comprare l’impunità per i prossimi secoli dei secoli.

Dio (padre) sarebbe orgoglioso di me, sono stato meglio dei suoi flagelli e dei suoi stermini di massa. Anche Belzebù mi ha fatto i complimenti a Porta a Porta. Ed ora penso e ascolto musica. E faccio a gara con i piraña a chi sbrana più velocemente il corpo del solito esistenzialista che s’è buttato dal ponte. Forse non pensava di morire a pezzettini piccoli piccoli, sperava di affogare prima. È uno scherzetto che ho fatto io a mettere piraña. È perché così, ‘sti stronzi di suicidi assaporano meglio quanto brucia quello che hanno lasciato, imparano cosa stanno facendo. Ma troppo tardi per tornare indietro.

Mi sento un messia. Sì perché m’è rimasto ancora un po’ di “delirio d’onnipotenza” che ho arraffato mentre il negozio prendeva fuoco davanti alla commessa legata alla sedia di cui ho ovviamente gustato lo sguardo. Ma non sono ancora soddisfatto. Tutto l’universo deve poter assaporare il senso della vita. E ho deciso che riprodurrò e spargerò questi prodotti in tutto il cosmo. È più bello fare le cose insieme.

In fondo io amo l’umanità.

Bisogna fare qualcosa per gli altri e non restare rinchiusi nel proprio egoismo. Redimere ed evangelizzare e spargere il seme del verbo del profeta. Nei secoli dei secoli.

Bit

Nell’arco di tempo definito cronologicamente mi fisso la testa con un chiodo d’uranio e chiedo al signore che passa un centesimo per mangiare un pasticcino di metallo pesante. Chiedo alla notte un passaggio e prego un clown di accettare in pegno l’unico gioiello della corona che mi rimane in tasca per dormire una notte nel trampolino degli acrobati. Mi sveglio col mal di mare e finisco nella rete di facebook da dove non posso più uscire. Da li’ mi godo una notte virtuale e un giorno mascherato da mille bit e una vita che non finirà mai.

Insalata russa

Un vento elettrico sovrasta la bestia. Una preghiera intensa rincorre una luce presa alla sprovvista. Un delirio profondo scorreggia nel cuore di una regina.

Lentamente scendo nel torrente dorato in una grotta e mi cibo d’inconscio galleggiante. Un’onda di dubbi travolge il mio battello e urto contro una sponda d’immensità che mi lascia esterrefatto. Cucino su una croce divina mentre il sangue scorre e sputa pesci di fumo e arrosto. Nella quintessenza della verginità si sistema la matematica d’amore che libera liquami dai propri pori e sale al cielo trascinando con sé la burbera salsa piccante con cui condire il paradiso.

Mangio a quattro palmenti e digerisco nel languido cuore un’essenza degli dei che mi dà aerofagia che mette il turbo e posso volare nei miei pensieri. Galleggio e medito una nuova forma di vita, una stella cadente che muove l’orbita terrestre in senso contrario, un uovo di Colombo che riscopre la terra promessa partendo dalla fine e tornando all’inizio. Nei secoli dei secoli.